Convertire i tuoi fan in clienti con il giusto piano di marketing

Tutti quelli che creano una pagina facebook per il proprio brand sperano di trasformare i propri fan in potenziali clienti. Ma non sempre questo si traduce in realtà. Questo perché molti utenti fanno un grave errore: cominciano a pubblicizzare i propri prodotti e i propri servizi, senza aver prima coltivato adeguatamente i propri fan/follower. Per fare in modo che i vostri fan diventino dei clienti dovete seguire alcune piccole regole.

L’imbuto di marketing. L’imbuto è l’esempio più calzante per descrivere il piano di marketing: un imbuto raccoglie una considerevole quantità di acqua (o di qualsiasi altro liquido) e lo indirizza tranquillamente verso un contenitore più grande. Un buon piano di marketing dovrebbe fare la stessa cosa con i clienti: raccogliere i potenziali clienti, sparsi tra fan della pagina facebook, tra i visitatori del sito internet e dei follower su twitter e trasformarli in clienti.

Sì, ma come fare?

fare-un-piano-di-marketing

1. Omaggi

Omaggi. Gli omaggi aiutano molto ad avere una buona base di iscritti. Secondo un recente sondaggio, gli utenti seguono un brand su twitter o su facebook principalmente per avere accesso ad omaggi esclusivi o ai cosiddetti premi fedeltà. Potete fornire gli utenti che vi seguono di un codice univoco da usare per il vostro shop online (in modo che abbiano un determinato sconto), oppure potrete fornirli di guide o recensioni. Ovviamente i contenuti più apprezzati sono i primi, ma ovviamente i più apprezzati sono i primi. Questo è il primo passo dell’imbuto.

2. La newsletter

Avere follower e fan è molto importante, ma niente sostituirà mai la newsletter. Il modo migliore per fidelizzare i propri clienti è quello di indurli a sottoscriverli alla vostra newsletter. Se i vostri servizi, se i vostri contenuti sono interessanti ed utili è praticamente automatico che un utente si iscriva anche alla newsletter. Una volta fatto questo, avrete acquisto un’importante mezzo per fare pubblicità.

Attenzione: la newsletter è un sistema molto potente perché è l’utente stesso che richiede la sua sottoscrizione, ma deve seguire due regole importantissime:

  1. Essere interessante. Bisogna che la newsletter abbia contenuti interessanti.
  2. Non abusarne. Come qualsiasi mezzo potente, l’abuso crea un danno, un effetto boomerang. Usatelo con moderazione (circa una volta a settimana).

3. Prodotto affidabile

Grazie alla newsletter potrete avere un rapporto molto stretto con i vostri clienti fidelizzati. Una volta che avrete creato la nostra newsletter — sperando che questa abbia contenuti interessanti — la credibilità presso i tuoi clienti e potenziali tali è in aumento.  Una newsletter ben organizzata conferisce un senso di affidabilità e di serietà. Alle persone piace acquistare prodotti e servizi da fonti che reputano fidate e che conoscono. Per fare in modo che un nuovo cliente si fidi di voi e apprezzi voi e i vostri prodotti, proponetegli il vostro prodotto più affidabile, quello cioè che ha ricevuto più feedback positivi.

4. Acquisti Premium

Una volta che i tuoi clienti avranno apprezzato il vostro prodotto più affidabile, potreste lanciare anche quelli premium o quelli più nuovi. Attraverso i prodotti base o quello più affidabile, avete convertito i nuovi clienti o quelli che si fidavano di voi e del vostro brand in clienti leali e che danno valore all’essere legati al tuo brand o ai tuoi servizi. L’importante in questo caso è fornire prodotti di alta qualità e soprattutto servizi al cliente di alta qualità.

5. Acquisiti simili o superiori

Dopo che i vostri clienti avranno acquistato (e quindi apprezzato) i prodotti più affidabili e quelli premium, avrete la sicurezza che apprezzano e che si fidano del vostro marchio. Questo è il momento migliore per proporgli le tue offerte bundle, oppure i servizi più professionali (e costosi) o una consulenza su base annua, ecc, ecc…

Il trucco per fare un piano di marketing è iniziare con omaggi e fornire ai clienti soluzioni molto costose solo alla fine. Il problema di molti imprenditori è che non riescono ad arrivare o fornire le soluzioni più costose per compensare le perdite durante la fase degli omaggi Finchè avrai un fondo sostanzioso ben definito, fare un piano di marketing convertirà i tuoi visitatori in clienti paganti.

Via

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

A qualcuno è morto il gatto

(ma non troverà qui informazioni a riguardo)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

Partecipactive

Progetti con la complicità dell'utente finale

Il Cittadino 3.0

verso la terza Repubblica...

Ho dimenticato qualcosa

Photo, Storie, Life

L'altro diario

Pensieri veloci

Il Post Viola

Blog ufficiale del popolo viola

Nuda Verità

"Se non guardi il cielo... non vedrai mai le stelle"

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

ClassiCult

Dove i Classici si incontrano

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

La Fleur Du Mal

Solamente ancora un Wordpress.com weblog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: