”Misseri fu aiutato a nascondere il corpo di Sarah”. Interrogati fratello e nipote

ultimo aggiornamento: 24 febbraio, ore 15:22
Taranto, 24 feb. (Adnkronos/Ign) – ”E’ di solare evidenza logica che, per occultare il cadavere di sua nipote in quel ristretto lasso di tempo, Misseri si sia avvalso della collaborazione di qualcuno. Qualcuno, ovviamente, molto fidato”. Lo scrive il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Taranto, Martino Rosati, nell’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Carmine Misseri e Cosimo Cosma, rispettivamente fratello e nipote di Michele Misseri, accusati di concorso in soppressione di cadaverenell’ambito dell’inchiesta sul delitto di Sarah Scazzi, avvenuto il 26 agosto ad Avetrana.

È  la premessa che serve al giudice per dimostrare che Michele non può essersi occupato da solo di far scomparire il cadavere della vittima come ha sempre sostenuto. ”Già soltanto per compiere i necessari spostamenti in auto, e dando per ammesso che non siano intervenuti alcun intralcio o una qualsiasi incertezza, tuttavia non improbabili nel suo stato d’animo, perlomeno alterato – ragiona il gip Rosati – sarebbero occorsi a Michele Misseri all’incirca venticinque minuti. Nei residui venti, poi, avrebbe dovuto fare tutto il resto. E da solo”.

Dalle 14,55 alle 15,45 Michele Misseri, stando a quello che ha raccontato nei suoi vari interrogatori, scrive ancora il gip ”avrebbe dovuto, in assoluta solitudine, allontanarsi da casa; raggiungere in auto il terreno con il grande albero di fico, sotto il quale avrebbe scaricato, spogliato e poi rivestito e rimesso in macchina il corpo della nipote”.

”Spostarsi, quindi – prosegue ancora il gip – fino alla cisterna interrata, individuarla e ripulirla dalle fitte erbacce che la infestavano; denudare nuovamente la ragazzina, rimuovere il pesante masso che ostruiva l’imboccatura del pozzo, imbracare il corpo con una corda, calarvelo all’interno e riapporvi il masso; dopo di che, rimettersi in macchina, raggiungere un altro luogo poco distante, dar fuoco ai vestiti ed allo zainetto della vittima ed attendere che il fuoco li bruciasse completamente; e quindi, infine, raggiungere nuovamente la sua abitazione, parcheggiare la macchina e trovarsi, intorno alle 15:45, a raccogliere fagiolini con il cognato”.

Si è concluso intanto nel carcere di Taranto l’interrogatorio di garanzia di Cosimo Cosma. L’uomo, come ha riferito il suo avvocato di fiducia, Raffaele Missere, del foro di Brindisi, fuori dalla casa circondariale, ha risposto alle domande del gip. Ora è in corso l’interrogatorio del fratello di Carmine Misseri.

Praticamente é stata tutta la famiglia ad uccidere questa ragazza. Ma cos’ha fatto di male in fin dei conti?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

A qualcuno è morto il gatto

(ma non troverà qui informazioni a riguardo)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

Partecipactive

Progetti con la complicità dell'utente finale

Il Cittadino 3.0

verso la terza Repubblica...

Ho dimenticato qualcosa

Photo, Storie, Life

L'altro diario

Pensieri veloci

Il Post Viola

Blog ufficiale del popolo viola

Nuda Verità

"Se non guardi il cielo... non vedrai mai le stelle"

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

ClassiCult

Dove i Classici si incontrano

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

La Fleur Du Mal

Solamente ancora un Wordpress.com weblog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: